Durata
90-180 minuti
Anestesia
Generale
Degenza
1-2 notti
Ritorno in società
10 giorni

Mammelle troppo grandi o ptosiche possono costituire un grave problema, sia di carattere estetico sia posturale, sia cutaneo (per l’infiammazione e talora l’ulcerazione della pelle a livello dei solchi sottomammari, fenomeno definito come intertrigine).

L’intervento di mastoplastica riduttiva mira a ridurre il volume delle mammelle e contestualmente correggere la ptosi che spesso si associa, ripristinando un volume armonico e un profilo soddisfacente.

L’intervento impiega alcune procedure chirurgiche simili a quello di mastopessi per rimodellare la mammella e far risalire il complesso areola-capezzolo. Naturalmente a differenza della sola pessi, in questo caso si associa una riduzione del volume mammario. La ghiandola mammaria residua può essere utilizzata per aumentare la proiezione delle mammelle specialmente nei quadranti superiori che spesso risultano svuotati, con un effetto simile a quello di una protesi (si parla in questo caso di “autoprotesi”).

Modalità Chirurgiche
Preparazione all'intervento chirurgico
Post-operatorio
Risultato